sabato 19 aprile 2014

Saint Seiya Next Dimension: parliamone


Pericolo SPOILER! Siete avvisati.

Se in Giappone dite di essere appassionati di manga e anime la domanda immancabile del vostro interlocutore sarà: quali sono i tuoi manga/anime preferiti? Da parte mia, dato che Gigi la Trottola qui lo conoscono solo i cinquantenni, svio sempre su Captain Tsubasa e Saint Seiya, che so essere brand conosciuti e riconoscibili (a differenza di altri che pure ho adorato, come il Violinista di Hamelin o Bakuretsu Hunter).
Grandissimo. L'anime invece stravolse storia e personaggi per cui lo lasciai perdere.
 E in effetti Saint Seiya, al di là della passione durante l'infanzia, è stato per un periodo (1997-1998 circa) un incastro molto duro, tanto che spulciai per anni mercatini dell'usato in cerca dei fumetti della Granata Press arrivando a possedere tutti i numeri dalle case d'oro in poi (ovviamente dopo tutta questa fatica la Star Comics decise di ripubblicare tutta la serie mapporcaputt). Così anni prima che il grande pubblico ne fosse a conoscenza sapevo già tutto di Ade, Spectre e Guerra Sacra e della conseguente dipartita finale di Pegasus.
Nostalgiestrasse! Stima infinita anche per Cosmo, un mito nel curare la rubrica della posta
Però poi si sa come va, la storia era ormai finita, gli anni passarono e Saint Seiya venne messo da parte. Provai ad accostarmi a Episode G e Lost Canvas, ma avevano uno stile troppo diverso dall'originale ed erano prequel, non mi stimolavano. Inoltre uscirono in un periodo in cui la mia passione per i manga si era ormai definitivamente raffreddata.
E così che sorpresa ritrovarsi tra le mani questo Saint Seiya Next Dimension il VERO SEGUITO POST ADE UFFICIALE delle avventure dei cavalieri dello zodiaco. Comprai anni fa il primo numero in una libreria in Giap e lo apprezzai, ma poi prevedendo tempi biblici di pubblicazione lo lasciai da parte. Ora ho potuto continuare la lettura e completare i primi 5 numeri della serie.


Non entrerò nella trama approfonditamente, ma vorrei dare un'occhiata generale all'opera.
Prima nota dolente: Pegasus non è morto. Ormai sono abituato a continue e improbabili risurrezioni, ma dopo averlo visto infilzato come uno spiedino avevo sperato che finalmente qualcuno avesse avuto il coraggio di far schiattare il protagonista della storia. Ma che! La lama di Ade infatti era solo una lama spirituale, che uccide sì, ma solo dopo tre giorni, giorni in cui gli avversari si dispereranno e piangeranno per aver conosciuto il Re di Hokuto (ah no quello era un altro).
Parte così l'ennesima corsa contro il tempo che vede stavolta protagonista Lady Isabel e il redivivo Andromeda (che sarà poi seguito dagli altri cavalieri di bronzo). Qual è il piano geniale per salvare Rei Pegasus? Ma ovviamente andare a trovare il dio del tempo Crono, convincerlo a farsi spedire indietro nel tempo alla passata Guerra Sacra di 243 anni fa e lì distruggere la spada di Ade in modo che non esista nessuna spada. Già qui mi vengono in mente due o trecento paradossi temporali che si formerebbero, ma i nostri non si curano degli avvertimenti di Crono e partono alla volta del passato.
Nel frattempo (?) nel passato i cavalieri d'oro sono in subbuglio perché la guerra contro Ade è alle porte e loro non hanno ancora trovato la reincarnazione di Atena che deve guidarli. Ma il lettore sornione a questo punto sorriderà: adesso arriva Atena dal futuro, tutto a posto no?
No, perché per uno scherzone di Crono Lady Isabel torna in forma di neonata con Andromeda che se ne casca da tutta altra parte. Lady Isabel neonata però piomba proprio sotto la statua di Atena Nike, ai piedi del gran sacerdote dell'epoca. Vabbé più o meno ce la caviamo lo stesso no? No e qui cominciano i WTF.
Il gran sacerdote da par suo sapete che fa? Tenta di uccidere Atena. Adesso voglio dire, passi Arles, una volta un traditore può capitare, ma non sarebbe ora di controllarli un po' meglio questi gran sacerdoti? Ma andiamo avanti.
Il cavaliere di Virgo, Shijima, salva Isabel e la situazione, ma solo per trovarsi subito di fronte al cavaliere dei Pesci, Cardinale, che esattamente come il suo successore è un traditore carogna. Shijima, ferito gravemente riesce a scappare, novello Micene, con la bimba tra le braccia e invia a Sion dell'Ariete un messaggio telepatico chiedendogli di avvertire gli altri cavalieri d'oro del tradimento (Sion esattamente come il grande Mur è insieme a Shijima l'unico ad avere poteri telepatici dei cavalieri).

Andromeda intanto incontra Tenma, il cavaliere di Pegasus di questa era, e dopo un amichevole scambio di cartoni sulle gengive lo convince di provenire dal futuro e di essere qui per trovare Atena. Percependo il cosmo di lei in cima alle case dello zodiaco partono per raggiungerla. Ma figurarsi! Ade sceglie proprio questo momento per attaccare e manda all'attacco i suoi Spectre capeggiati da Suikyo, ex cavaliere del Cratere, maestro di Tenma e traditore. 

Maria Ozawa, anche lei nata sotto la costellazione del Cratere.
Sion ci pensa un po', poi lascia passare i due ragazzi e si prepara a dar battaglia a Suikyo e gli altri servi di Ade.
Arrivati a questo punto appare sempre più chiaro come la salita alle case d'oro di Tenma e Andromeda da una parte e Suikyo e gli Spectre dall'altra, sia un remake da un lato della battaglia del santuario di Pegasus e degli altri cavalieri di bronzo (serie classica), dall'altro di quella tra Gemini, Capricorn e Aquarius diventati Spectre e i cavalieri d'oro superstiti (serie di Ade).
Le citazioni sono benvenute, ma il problema è che fino alla casa del cancro (dove sono arrivato) le cose si svolgono nella stessa identica maniera:
Ariete viene sconfitto, ma sopravvive e vabbé.
Toro muore, ma muore restando in piedi (uguale identico al suo successore, possibile poveracci che debbano fare tutti la stessa fine?)
Arrivati alla casa dei gemelli Tenma e Andromeda si ritrovano nello stesso identico labirinto già affrontato nella prima serie, con tanto di sdoppiamento della casa. Ovviamente il cavaliere dei gemelli è anche qui uno schizofrenico dalle due personalità.
Al cancro mi sono cominciate a cascare le braccia: anche lui (questo si chiama Deathtoll) ha la casa infestata da teste umane, come il suo successore Deathmask. Non solo, è pure brutto come la fame! Almeno il Cancer che conosciamo aveva un aria da Aran Banjo un po' fascinosa (e un'armatura secondo me bellissima), ma possibile che Kurumada debba sempre trattare coi piedi questo segno? Possibile che cavaliere del cancro debba sempre essere uno schifoso doppiogiochista sadico? Ma dove li scelgono gli aspiranti, a X-Factor? Anche qui siamo di fronte a un altro cialtrone che farà una fine ingloriosa.
Per quanto ho visto sinora il mio voto per questo fumetto è 6,5. Voglio dire l'idea del viaggio nel tempo è intrigante (nonostante le assurde implicazioni, ma vediamo come finisce) e sullo sfondo si colgono degli sviluppi interessanti (c'è Crono, Lady Isabel incontra Artemide e chissà che non venga fuori Zeus). Però perché i cavalieri d'oro devono essere sempre uguali a sé stessi? Il traditore stavolta non poteva essere chessò Toro? Perché ridurli a delle parodie? Comunque sono usciti altri numeri, per cui con molta calma la lettura andrà avanti. Speriamo bene.

venerdì 11 aprile 2014

Pino Scotto ospite al Tonari Shinbun

L'altro giorno un conoscente mi ha chiesto un parere sul j-pop. Visto il tenore della domanda ho deciso di passarla al mio amico Pino Scotto.


Ciao cosa ne pensi della musica J-Pop? A me piacciono tantissimo gli Smap e gli Arashi e trovo che anche le AKB48 siano grandi e faranno un sacco di strada. Che ne pensi?

Sì un sacco di strada… un sacco di… te lo dico io su che strada vanno (risatina). Cioè ragazzi ma è allucinante e la gente impazzisce per sta… per ste sgallettate, coi vecchi bavosi dietro che potrebbero essere le loro figlie! Fate schifo! Fate schifo veramente! E sti altri pagliacci arasci… arosci, sti froci del cazzo hai capito che sono dieci anni che rompono i coglioni con le loro canzoncine di merda e non sanno neanche cantare, non suonano, non cantano, ma che cazzo ci stai a fare sul palco. E fanculo pure a quegli altri lì, gli smap che una volta erano rincoglioniti e adesso sono vecchi e rincoglioniti (risata). E mentre ste… sti coglioni ci prendono per il culo, la gente si ammazza di lavoro e si spezza la schiena e ogni… ogni tanto ne trovi uno sotto a un treno che non ce la fa più, cioè ma questo è un paese di merda! MA ROBA DA PAZZI VERAMENTE! MA ANDATE A FARE IN CULO! Vai Jack.