lunedì 21 luglio 2014

Shirahama

Ieri e oggi gitarella a Shirahama.
Mentre prendevo il sole in spiaggia la mia mente ha cominciato a vagare tra riflessioni sullo gnosticismo, differenza dei prezzi delle arance in campagna e citta' e momenti di puro vuoto.
Mi sono reso conto di tre cose: la prima e' che se fossi costretto ad aderire a una dottrina cristiana probabilmente sarei gnostico (poi vabbe' c'erano mille scuole diverse, bisogna vedere).
La seconda e' che, tra smartphone in giro e computer a casa, sono pochi i momenti in cui mi stacco dal costante flusso di informazioni internettiano, in cui mi permetto semplicemente di non pensare a nulla o di lasciare la mente libera di saltare da palo in frasca. Uno e' quando corro, ma li' per forza. Un altro e' quando sono disteso in spiaggia. Non so, l'ho trovato un po' zen: lo zen e l'arte di prendere il sole.
La terza e' che le arance costano molto meno in campagna che in citta' e quindi, dopo i giorni del mitico Cygnus, e' forse giunta l'ora di comprarsi un nuovo mezzo di locomozione.

Nessun commento:

Posta un commento