domenica 5 ottobre 2014

Frozen balls

Quanto c'hanno sfrangiato i maroni in TV con sto アナと雪の女王 (in Italia, Frozen, il film della Disney). Ogni occasione era buona per mettere su la canzone e farla cantare nelle più disperate versioni (quella nel dialetto di Osaka molto divertente lo ammetto).


Ma cosa posso aspettarmi?
E' triste dirlo, ma i programmi giapponesi, almeno quelli in chiaro, fanno davvero pietà. Ci sono delle notevoli eccezioni come la TV per bambini, qualche quiz, un po' di cose della NHK, Yoshimoto Shinkigeki, anche 逃走中 (Tousouchuu, una sorta di acchiapparella on steroids) se vogliamo, ma sono piccoli isolotti in un mare di grande mediocrità.  E' un varietà continuo, a ogni santa ora di ogni santo giorno, è come avere perennemente Buona Domenica su più canali, a volte senza valide alternative (!).
I più bernardi fingono di intrattenere, ma in realtà fanno solo pubblicità alla catena o al negozio di turno: interessantissimo vedere due famosi prezzemolini esplorare in lungo e in largo Nitori (tipo Ikea giapponese) e provarne tutti i mobili e gli accessori. Yawn. Che poi non si capisce mai che mai avrà fatto certa gente per essere famosa, a me sembrano perlopiù dei freak assurdi o la solita fica che vabbé capirai. Anche quando magari capita il servizio interessante vorrei davvero sapere per quale motivo devono lasciare in alto il box con le facce dei vip in studio, ma a che diamine serve? Quale potrà mai essere il mio interesse nel vedere le reazioni di certo ciarpame al video? (a seguire esempio preso a caso)


Mah.
Poi c'è quel programma che parla dei giapponesi residenti in posti strani in giro per il mondo. Ecco l'idea è carina, però a volte si sfocia un po' troppo nella ricerca del bizzarro (per far sgranare gli occhi alla gente a casa e a quella in studio ovviamente, sempre visibile nel suo piccolo inutile box sull'angolo superiore). Altre volte invece cade rovinosamente nel ridicolo: ricordo una volta il racconto di una donna, residente tipo in Africa mi pare, che si era detta stupita all'inizio quando durante un pranzo la gente si era incazzata perche lei aveva sonoramente scoreggiato. Vi giuro, spero di aver capito male. Forse boh pensava tanto qui son tutti negri chemmefrega! Allibito. Oppure un'altra perla, questa recente, dove si mostrava in Canada un distributore di mariujana (in piccole dosi e per uso "terapeutico" pare sia legale acquistarlo). Grande stupore in studio (vedi boxettino) e messaggio in sovraimpressione: "L'acquisto è illegale per i cittadini di nazionalità giapponese". Ahahah perché se un giapponese vive in Canada si applica la legge giapponese? Tipo i trattati ineguali nel Giappone dell'Ottocento? Il problema è che mia moglie a ste cazzate ci crede, se no mi farei giusto due risate.
Che poi intendiamoci pure la tv italiana (quello che mi ricordo) fa piangere e la neozelandese non era tanto meglio (cricket a tutte le ore, non scherzo), però in Giappone pare proprio povera di mezzi. E' mediocre in un modo diverso. I programmi per bambini (Inai inai ba, Okaasan to issho ecc) sono in proporzione fatti molto molto meglio di quelli per adulti.

Alla fine niente stasera ho affittato Ralph Spaccatutto da Tsutaya: dieci volte meno famoso di Frozen e dieci volte più divertente. E accorgendomi della cosa mi è venuto un po' l'astio.

3 commenti:

  1. Ma Frozen è carino, solo che stanno un po' esagerando ecco... Non è né l primo né il miglior film della Disney, e non ricordo un seguito del genere per i precedenti.

    RispondiElimina
  2. Il film ha avuto seguito perché la canzone (anche bellina eh) era veramente ovunque. Alla fine io e mia moglie ci siamo guardati con un grande mah stampato sulla faccia.

    RispondiElimina
  3. FROZEN e' una ignominia, vai a capire perche' tanto successo, io ho avuto la classica polverizzazione dello scroto dopo dieci minuti.

    RispondiElimina